Vuoi chiederci qualcosa?

info@buonastrada.net

Vuoi parlare con la redazione?

redazione@buonastrada.net

Beppe

Dove sei: Home > Chi siamo > Beppe

L'arte di strada, generalmente, è sia gli artisti che tutta la gente

Beppe Boron - Presidente Fnas, artista e operatore culturale

Giuseppe Boron, nato a Milano il 5 giugno 1960, entra nel mondo musicale e artistico a partire dal 1995, quando entra nella band Accordiana di Milano diretta dal trombettista Stefano Bassalti in qualità di sassofonista contralto. La band incide un cd dal titolo “Blues Marine” e partecipa a numerosi festival di jazz tradizionale in Italia ed all’estero. Nel 1997, sempre con il trombettista Stefano Bassalti, ma con l’aggiunta del cabarettista cantante Fabio Calabrò, del chitarrista Sandro Di Pisa e del sax baritono Gilberto Tarocco fonda la “Banda Bassalti”, con cui comincia un’intensa attività nell’ambito dell’arte di strada. Vengono notati da Stefano Bottoni, direttore artistico del Ferrara Buskers Festival, e invitati per l’anno successivo a partecipare alla rassegna ferrarese. Da allora decine di festival italiani li hanno visti protagonisti per i due anni successivi. Insieme producono il cd “Non c’è motivo”.

Nel 1999 la band si scioglie. Beppe Boron e Fabio Calabrò danno vita al duo “Pepino Sasofone e Fedele Ukulele” che produce, negli anni, gli spettacoli teatrali di genere comico-musicale “Cocomeri e coccole”, “30 40 50 vietato ai minori di anni 60” e “Crisibolario, il dizionario dei momenti critici” replicati più volte nelle rassegne di teatrali italiane. Nella primavera del 1999, assieme a Luigi Russo, direttore organizzativo del Ferrara Buskers Festival, progettano “Il grande Cappello” una raccolta di fondi a sostegno di associazioni che si occupano del recupero di bambini di strada nel mondo, da realizzarsi nell’ambito del festival. L’idea ha un notevole successo ed è giunta al suo ottavo anno di vita. Nel 2000 nasce l’ “Orkestra Zbylenka”: si uniscono a Beppe Boron e a Fabio Calabrò Sandro di Pisa e Gilberto Tarocco (entrambi membri della Banda Bassalti), per dare vita a una vera compagnia di teatro comico musicale, con tre produzioni e 2 cd all’attivo. Gli spettacoli “Festival di Festival”, “Vincenzo Magio e i tre re” e “Gez” ed i cd omonimi dei primi due spettacoli, che hanno venduto rispettivamente 3000 e 1000 copie. Dal 2000 accanto all’attività artistica affianca Luigi Russo e Monica Forti della società Gigirusso Street & Stage Srl nell’organizzazione e progettazione di festival e rassegne di arte di strada in Italia. Da settembre, con la moglie Monica Forti, entra a far parte, in qualità di socio, della Cooperativa Artmosfera, per occuparsi del settore dell’arte di strada.

Nel 2007 progetta, realizza e assume la direzione artistica di “Scendiamo in Piazza – Rassegna internazionale di artisti di strada under’25”, con il sostegno di AGCI Federazione interprovinciale Ravenna Ferrara, Comune di Ravenna e il patrocinio della Provincia di Ravenna. La rassegna debutta nel centro storico di Ravenna il 16 e 17 agosto 2007 e si ripete, ampliata nella proposta artistica e nella valenza pedagogica per la seconda edizione il 30 e 31 maggio 2008.

Nel 2008 assume la direzione artistica del progetto “Nuove vie musicali” tenutosi a Torino in collaborazione con l’Agenzia per lo Sviluppo di San Salvario, il Comune di Torino e la Fondazione San Paolo. Il progetto ha lo scopo di guidare gruppi di giovani musicisti di diverse etnie e residenti a Torino nella realizzazione di spettacoli di musica di strada presentati nelle vie del quartiere di San Salvario in occasione dell’evento finale del progetto nei giorni 28 e 29 giugno 2008.

Nel 2009 diviene presidente dell'associazione culturale Cantieri Creativi che progetta e realizza, in collaborazione con Fabio Calabrò in arte Fedele Ukulele, Michele Bertelli, attore e regista della compagnia del Serraglio, Romano Sgarzi, attore e assessore alla cultura del comune di Migliarino e Ricky Scandiani, pianista, “Facciamo Compagnia – scuolaboratorio di varietà”, un progetto didattico e di spettacolo che coinvolge i partecipanti in un gioco teatrale in cui in una sola giornata si costruisce uno spettacolo teatrale che la sera va in scena con pubblico pagante.

Sempre nel 2009 ottiene il diploma accademico superiore di I livello in “Jazz, musiche improvvisate e musiche del nostro tempo” presso il conservatorio “Girolamo Frescobaldi” di Ferrara.

Nel 2010 scrive e realizza con Fabio Koriu Calabrò un nuovo spettacolo itinerante per il duo Pepino e Fedele; “Motimenti in movimetto – la banda marciante più piccola del mondo”

Nel 2011 realizza, in collaborazione con Luca Bragalini, docente di storia del jazz in vari conservatori italiani ed il comune di Comacchio, la prima edizione di “Tutte le strade portano al jazz”, la prima mostra vivente sulla storia del jazz.

Nel 2012 continua la collaborazione con Luca Bragalini ed il comune di Comacchio per la seconda edizione di “Tutte le strade portano al jazz” e crea il “Monnalisa cafè chantant”, uno spettacolo di varietà in cui una piccola compagnia mette in scena se stessa riproponendo vecchi sketches del teatro di varietà.

Dal 2013, col nome d'arte di Pepino Sasofone, inizia a lavorare anche da solo per le strade d'Italia presentando un vasto repertorio swing e di jazz standard sia americani che italiani.Dal maggio del 2015 è presidente della FNAS Federazione Nazionale Artisti di Strada. Dal 2016, per la Fedrazione, è impegnato nel raggiungimento di importanti obiettivi legati all'utilizzo artistico degli spazi pubblici quali i progetti: “Buonastrada” e “Stradaperta” e nell'organizzazione di Stradarts, una serie di convegni su tutto il territorio nazionale per promuovere la politica della Federazione.

Progetto Buonastrada

Un movimento, una community di persone come te: per difendere e valorizzare tutta l'arte urbana possibile e concepibile

Collabora con noi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per seguire le nostre iniziative!